Logo DSV
Richiedi un preventivo

Scopri i requisiti, le barriere doganali per l'importazione e l'esportazione tra Italia e Turchia con trasporto terrestre, marittimo e aereo

Restrizioni commerciali sull'importazione di prodotti dalla Turchia

Il trattamento delle importazioni e delle esportazioni con la Turchia è soggetto all'accordo di unione doganale UE-Turchia del gennaio 1996, che ha stabilito la libera circolazione delle merci tra la Turchia e l'UE. L'alleanza della Turchia con l'Unione Europea ha facilitato la crescita del commercio estero con altri paesi europei. Tuttavia, il governo turco applica alcuni requisiti commerciali per l'importazione dalla Turchia, nonché barriere doganali o regolamenti doganali per proteggere la produzione locale.

  • Norme e certificati di sorveglianza e controlli doganali
  • Standard di sicurezza per prodotti industriali, calzature e altre merci
  • Misure tariffarie per calzature, prodotti agricoli modificati, tessili, utensili, ecc.
  • Certificati fitosanitari necessari per il trasporto di carne, pesce, verdure, ecc.
  • Misure amministrative e regime di autorizzazione specifico
  • Barriere tecniche per materiale farmaceutico, tessile
  • Organismi Geneticamente Modificati (Legge sulla Biosicurezza), ecc.
  • Aliquote fiscali discriminatorie per le bevande alcoliche importate dall'UE
  • Mancanza di protezione della proprietà intellettuale e industriale
  • Barriere legali e amministrative come tasse di registrazione, registrazione della documentazione e scadenze, ecc.

Maggiori informazioni sulle barriere commerciali e sui prodotti trasporti con la Turchia

Le merci prodotte o messe in libera pratica nell'unione doganale possono essere trasportate nel territorio dell'unione doganale, a condizione di allegare alla merce la prova della sua posizione doganale, stabilita dal certificato di circolazione delle merci. A.TR. 

Che cos'è il certificato di merce A.TR?

È il certificato di circolazione delle merci che viene consegnato all'esportatore o all'importatore nelle operazioni di commercio internazionale con la Turchia. Il documento applica un regime preferenziale tra l'UE e la Turchia non appena viene assicurata o effettuata un'esportazione o importazione. Il certificato A.TR è rilasciato dalle autorità doganali dello Stato di esportazione e deve essere presentato alla dogana dello Stato di importazione entro un termine massimo di quattro mesi dalla data di rilascio. Il certificato A.TR deve essere consegnato insieme al DUA di esportazione.

Il certificato ATR può essere di tipo ATR1 per merci provenienti direttamente da un Paese UE o merci nazionalizzate nell'UE e di tipo ATR3 per gli altri casi.

Merci con un regime commerciale speciale

Dall'entrata in vigore ufficiale dell'Unione doganale, la Turchia ha abolito le tariffe e le tasse sull'importazione di beni industriali dall'UE, ad eccezione di due tipi di prodotti che hanno condizioni speciali per la loro importazione con la Turchia al di fuori dell'accordo dell'Unione doganale :

  • Prodotti siderurgici dell'industria del carbone e dell'acciaio, inclusi nel trattato della Comunità europea del carbone e dell'acciaio
  • Prodotti agricoli trasformati, di cui all'allegato I del trattato di Amsterdam

Questo tipo di merce gode dei seguenti accordi preferenziali:

Accordo tra la Comunità europea del carbone e dell'acciaio (CECA) e la Turchia sul commercio dei prodotti disciplinati dal trattato CECA
Decisione 1/98 del Consiglio di associazione Unione europea - Turchia sul regime commerciale applicabile ai prodotti agricoli

Norme di origine: preferenziale e non preferenziale
La Turchia applica norme di origine non preferenziali e preferenziali. Dal 1° gennaio 1996, nell'ambito degli obblighi derivanti dalla decisione sull'unione doganale con la CE (DAU), applica le stesse norme di origine della CE alle importazioni da paesi terzi. Le norme di origine non preferenziale, stabilite dagli articoli da 17 a 21 della legge doganale n. 4458, attribuiscono l'origine del prodotto al Paese in cui è stato prodotto totalmente o in cui è stata effettuata l'ultima trasformazione sostanziale.
Le regole di origine preferenziali, stabilite in diversi accordi commerciali, si basano su criteri legati al grado di lavorazione o al valore aggiunto, con possibilità di cumulo.

Dichiarazione doganale per l'importazione

Il regime di importazione in vigore si basa sulla legge doganale n. 4458, del Decreto quadro sull'importazione, del 31 dicembre 1995, e sulla normativa di attuazione. In Turchia, il Decreto quadro sulle importazioni viene pubblicato annualmente il 31 dicembre nella Gazzetta ufficiale dello Stato ed entra in vigore il 1° gennaio dell'anno successivo. Il presente decreto specifica i tipi di diritti di Dogana di ciascun paese, gruppi di paesi e prodotti con la seguente classificazione:

  • Elenco I: Prodotti agricoli
  • Elenco II: Prodotti industriali
  • Elenco III: Prodotti agricoli trasformati
  • Elenco IV: Pesce e prodotti della pesca
  • Elenco V: Elenco sospensioni
  • Elenco VI: Aviazione civile e merci utilizzate nell'aviazione civile

I dazi doganali sono classificati in base al Paese di origine della merce: senza tariffa per i prodotti industriali UE/EFTA; in Regime preferenziale nel caso di Paesi con libero scambio o alleanze preferenziali con la Turchia. Anche i dazi doganali sono classificati per tipologia di prodotto importato.

Inoltre, tutti i regolamenti di importazione per determinati prodotti pubblicati dalle autorità per la salute, la protezione dell'ambiente, l'ordine pubblico, la morale, la sicurezza nazionale o la protezione dei diritti dei consumatori influenzano anche i dazi doganali.

L'obbligo doganale è stabilito dalla presentazione della Dichiarazione di Dogana presso l'ufficio doganale. L'equivalente dell'imposta sul valore aggiunto (IVA) in Turchia è il Katma Deger Vergisi (KDV), si applica non solo al consumo ma anche alle importazioni e viene addebitata al momento dello sdoganamento della merce, con l'importatore come contribuente.

Documentazione necessaria per l'esportazione e l'importazione Italia - Turchia

Per lo sdoganamento delle spedizioni di importazione dalla Turchia è necessario presentare la seguente documentazione:

  • Fattura commerciale scritta preferibilmente in turco o inglese
  • Documento Amministrativo Unico (DUA)
  • Certificato di origine della merce*
  • Documenti di spedizione o trasporto
  • Relazione di contenuto (packing list)
  • Certificato di circolazione delle merci (certificato ATR) per le merci originarie dell'UE o certificato EUR.1 nel caso di importazioni originarie dei paesi EFTA. Tali documenti vengono presentati per ottenere l'esenzione o la riduzione tariffaria secondo quanto previsto dal Trattato di Unione Doganale (TUA)

*Necessario solo per alcuni tipi di merce specifica, come le parti di automobili.

Alcuni prodotti, invece, richiedono certificati fitosanitari (vegetali), sanitari o di libera vendita, il prodotti farmaceutici richiedono un certificato GMP (Good Manufacturing Practices) e il prodotti agroalimentari Possono richiedere documenti in base al tipo di prodotto, alla legge sulla biosicurezza e ad altri regolamenti.

Merci vietate in importazione

  • Stupefacenti, hashish e oppio preparato (legge 2313 sul controllo degli stupefacenti e legge unica internazionale sugli stupefacenti)
  • Terreno, foglie, steli, paglia, erbe e composit naturale utilizzati a fini agricoli (Regolamento di quarantena agricola)
  • Alcuni giochi d'azzardo e macchine da gioco (Legge 1072 sugli strumenti di gioco come roulette, flipper e giochi simili)
  • Uova del baco da seta. (Legge 859 sulla coltivazione e vendita dei bachi da seta e delle loro uova)
  • Prodotti recanti un marchio o un nome commerciale vietati dalla legge (Legge 1619 sui contratti internazionali di proprietà industriale).
  • L'emendamento dell'Aia del 1925 e l'accordo di Parigi del 1883)
  • False etichette e materiale da imballaggio (art. 56 legge n. 4458 del codice doganale)
  • Alcuni rifiuti particolari (Decisione della Commissione Europea (2000/532/CE) del 3 maggio 2000)
  • Determinati coloranti (Comunicazione sulla sicurezza e l'ispezione dei prodotti del governo turco 2019/6)

Accordi di libero scambio con la Turchia

La Turchia è parte dell'Accordo generale sulle tariffe doganali e sul commercio (GATT) dal 1951. Inoltre, il paese è membro dell'Organizzazione mondiale del commercio (OMC) dal marzo 1995.

La Turchia ha attualmente 18 accordi di libero scambio (ALS) in vigore: Malesia (2015), Mauritius (2013), Corea del Sud (2013), Cile (2011), Giordania (2011), Serbia (2010), Montenegro (2010), Albania (2008), Georgia (2008), Egitto (2007) , Siria (2007, accordo congelato da entrambe le parti dal 2011), Bosnia-Erzegovina (2003), Marocco (2006), Palestina (2005), Tunisia (2005), Macedonia (2000), Israele (1997) ed EFTA ( 1992) .

La Turchia ha invece concluso i negoziati di libero scambio con Libano, Singapore, Moldova, Ghana, Isole Faroe e Kosovo; ed è in corso secondo i seguenti 13 paesi e gruppi: Giappone, Messico, Ucraina, Perù, Repubblica Democratica del Congo, Colombia, Ecuador, Camerun, Isole Seychelles, MERCOSUR, Libia, Consiglio di Cooperazione del Golfo e Ciad.

Inoltre, la Turchia prevede di negoziare accordi di libero scambio con 10 paesi e gruppi di paesi: USA, Canada, Comunità dell'America Centrale, Sud Africa, India, Stati dell'Africa, dei Caraibi e del Pacifico (ACP), Thailandia, Algeria, Indonesia e Vietnam.

Regimi tariffari temporanei

In Turchia esistono 5 regimi tariffari temporanei che offrono un trattamento speciale di dazi e altre tasse per le merci che rimangono nel Paese per un tempo limitato:

1 Zone Franche e Magazzini:

Aree fuori dal territorio doganale, ma all'interno dei confini del Paese, che hanno il vantaggio di essere esenti da dazi e altre tasse, volte a favorire le esportazioni. Le merci possono rimanere nella zona franca per un tempo illimitato e le aziende possono trarre beneficio da queste località alla Turchia o all'estero senza alcuna restrizione.

In Turchia sono presenti 20 zone franche (19 delle quali attive) nei principali porti e aeroporti turchi sotto la responsabilità della Direzione Generale delle Zone Franche del Sottosegretariato al Commercio Estero.

Istanbul Tracia - Istanbul (Aeroporto Atatürk) - Istanbul (Industria e Commercio, a Tuzla) - Antalya - Adana - Egeo - Yumurtalik - Izmir - Europa (a Tekirdag), Bursa - Denizli - Gaziantep - Mersin - Kayseri - Trabzon - Tubitak Mam Technology - Rize - Kocaeli - Mardin - Samsun.

2 Importazione temporanea

Importazione di merci per la permanenza in un paese per un tempo limitato, che hanno una riduzione totale o parziale delle tariffe di importazione. Tale regime tariffario è destinato alla riesportazione di merci, che non possono essere sottoposte ad un processo di trasformazione industriale, ad eccezione delle riparazioni per prevenirne il deterioramento. La durata massima dell'importazione temporanea è di 24 mesi (prorogabile solo dalle autorità doganali se lo ritengono opportuno). La tariffa corrispondente all'importazione temporanea è del 3% al mese dell'importo pari ad un caso di importazione in libera pratica.

Il Carnet ATA è un documento internazionale per autorizzare l'importazione temporanea di merci in Turchia, valido un anno e con possibilità di essere utilizzato per entrate e uscite illimitate.

3 Trasformazione sotto controllo doganale

Questo regime tariffario consente l'importazione di merci all'interno del territorio tariffario della Turchia e successivamente trasformate industrialmente senza essere soggette a dazi all'importazione e misure di politica commerciale. Il prodotto finale trasformato sarà immesso in libera pratica, applicando un dazio all'importazione come prodotto manifatturiero. Il periodo massimo di applicazione di tale regime sarà di due anni, estendibile di tre mesi in circostanze eccezionali.

4 Traffico di elaborazione passiva

Regime tariffario che consente l'importazione in esenzione da dazi per prodotti precedentemente esportati dalla Turchia. La merce importata avrà una diminuzione totale o parziale dei dazi all'importazione. L'accesso al traffico di perfezionamento passivo richiederà un'autorizzazione del Sottosegretariato al Commercio Estero della durata massima di 1 anno, prorogabile di ulteriori 12 mesi.

5 Traffico di elaborazione attivo

Regime tariffario temporaneo che, a differenza del perfezionamento passivo, consente l'importazione in Turchia di merci estere da riesportare dopo la lavorazione all'interno del territorio tariffario turco senza tariffe o altre misure di politica commerciale. Per beneficiare di tale regime è necessaria la preventiva autorizzazione del Sottosegretario al Commercio Estero.

La durata massima di tale regime tariffario è di 12 mesi, con possibilità di proroga. Le merci perfezionate soggette a quote di importazione devono rispettarle e, in caso contrario, la merce sarà esportata, distrutta o pagata una multa.

Regime per campioni commerciali e pubblicità

La Turchia è impegnata nella Convenzione internazionale per facilitare l'importazione di campioni commerciali e materiale pubblicitario, che consente il trasporto esente da dazi di campioni senza valore commerciale.

I campioni commerciali richiedono invece una valutazione per il pagamento di dazi e tasse all'arrivo in aeroporto, importo rimborsabile se i campioni vengono riesportati entro 6 mesi dall'importazione. Tutti i campioni devono essere inclusi come elenco su una fattura. La dogana turca fornirà una lettera di garanzia per l'importazione temporanea che viene restituita alla riesportazione.

Libri, giornali, riviste, cataloghi, opuscoli e altro materiale pubblicitario sono esenti da dazi doganali.

HAI BISOGNO DI UN CONSIGLIO PER SPEDIRE LA TUA MERCE DA O PER LA TURCHIA? I NOSTRI ESPERTI TI AIUTANO

DSV - servizi di importazione ed esportazione con la Turchia

  • Trasporto aereo - Ti offriamo servizi aerei con partenze regolari, voli giornalieri, charter o consolidati per spedizioni più urgenti
  • Trasporto marittimo - Offriamo servizi marittimi groupage LCL, full container FCL, merci non containerizzate, break bulk, ecc.
  • DSV XPress - Affidati al nostro servizio Corriere per le tue spedizioni di pacchi e corriere espresso.
  • Trasporto via terra - Vi offriamo servizi su strada di groupage di merci, carichi completi, carichi parziali e lotti, ecc.
  • Gestiamo i tuoi trasporti di merci intermodali tra la Turchia e le isole isole Canarie e Baleari. Combina diversi mezzi di trasporto per consegnare la tua merce nel modo più rapido ed efficiente.
  • Prenota, segui lo stato delle tue spedizioni e accedi a report e KPI di performance con myDSV su un'unica piattaforma.
  • Aggiungi tranquillità proteggendo la tua merce con l'assicurazione Assicurazione DSV e DSV Protect.
  • Scarica le tue fatture online con Fattura PDF.
  • Consulta nella directory l'ufficio DSV più vicino e le informazioni di contatto Global Office Finder.

Hai domande?

I nostri esperti sono pronti ad aiutarti. Contattaci e troveremo la soluzione di cui hai bisogno.

contatta transporto stradale dsv